RSS

Archivi tag: jung

… attingendo alle forze più istintuali della nostra psiche, porta sicuramente a pagare dei prezzi… ma ….

 

47935050

 

 

Si aggirano nei boschi delle vallate alpine,

 libere e leggere come gazzelle.

 Danzano e cantano tenendosi per mano,

 Compaiono e scompaiono nella vita dei valligiani,

come nuvole all’orizzonte, dopo aver trasmesso agli abitanti dei masi il loro antico sapere

nella cura della terra,

degli animali,

delle relazioni di amicizia e

 d’amore.

Sono le Salige, figure ricorrenti nelle saghe dell’arco alpino, che rappresentano le radici più profonde, corporee e istintuali, del femminile ….

l’archetipo di una natura libera e selvaggia,

 incontaminata dal

“disagio della civiltà”,

 una condizione originaria che sta scomparendo dentro e fuori di noi.

Con il rischio di atrofizzare

quelle energie primordiali

che mantengono in vita non solo il pianeta ma la nostra stessa psiche.

Amorevoli e donative,

pronte a soccorrere chiunque abbia bisogno di aiuto e

 a condividere liberamente ogni forma di amore,

scivolando con le loro lunghe chiome bionde nel letto di qualche valligiano,

preferibilmente

giovane,

 bello e

appassionato,

le donne selvatiche possono essere molto vendicative e crudeli

 quando le persone a cui si dedicano tradiscono

 il loro “segreto” svelandone il “nome”,

simbolo dell’essenza più misteriosa e

profonda della femminilità.

O, per dirla in termini junghiani,

“ dell’anima ”

 quella regione della psiche che racchiude gli aspetti femminili presenti sia nell’uomo sia nella donna.

I disagi contemporanei, afferma  Risè  psicanalista junghiano,  siano  in gran parte dovuta alla perdita di contatto con la natura primordiale dentro di noi:

i nuclei più profondi della nostra psiche legati a immagini arcaiche di cui l’inconscio collettivo ci parla attraverso il miti e le saghe”

Pur mantenendo ciascuna la propria individualità, il loro “nome”, rappresentano un “Io collettivo”.

 Insieme, le Salige formano un gruppo che condivide e tramanda il

“sapere della selva”

 la semina,

la crescita,

la mietitura,

l’alternarsi delle stagioni sono la metafora dei

cicli della vita, della crescita interiore

che va salvaguardata dai condizionamenti di un mondo dominato dalla tecnologia e dall’apparenza”.

 In che cosa consiste

il “segreto” della femminilità, racchiuso nell’immagine della donna selvatica?

E perché è proibito svelarlo?

“Il segreto della donna selvatica è il nome,

 che in tutte le culture simbolizza l’essenza dell’individuo

il sé,

ossia il nucleo più profondo, indicibile della propria identità, che deve essere rispettato e protetto dalle intrusioni esterne.

La difesa di una zona segreta dentro di noi è indispensabile alla costruzione della personalità.

Rivelarlo, significa far morire qualcosa di vitale dentro di noi.

 Ed è per questo che nelle saghe alpine lo svelamento del nome coincide spesso con la morte della donna selvatica.

 Per Jung il segreto è lo scrigno in cui è racchiuso il proprio “mito personale”: qualcosa di prezioso che va difeso …..  non svelato ….è  necessario  liberare le energie bloccate nell’inconscio, che ritornano in circolo proprio quando si entra in contatto con il proprio nucleo segreto, il proprio “mito personale”, i cui aspetti femminili sono rappresentati dalla donna selvatica”.

Che cosa significa , nella vita psichica, l’apparizione e la scomparsa della

“donna selvatica “

Quando nella nostra vita interiore prende forma l’immagine delle forze primordiali della natura,

 è sempre un momento di grande svolta che riesce a smuovere potenzialità rimaste bloccate.

   Spesso si tratta di una figura dell’inconscio collettivo che appare nei sogni, come appunto la donna selvatica: una forza vitale che va al di là dell’Io, e favorisce non solo la realizzazione del Sé, ma può essere vissuta anche al servizio degli altri.

Se non si coglie questa occasione, non si accetta questo

“dono”

la donna selvatica che è in Noi si vendica, provocando morte e distruzione.

Che in termini analitici equivale alla regressione.

Se invece si attinge a questa energia interiore, si assiste a una forte accelerazione nel processo di crescita e di cambiamento della persona”.

“Seguire le indicazioni del proprio sé,

attingendo alle forze più istintuali della nostra psiche,

porta sicuramente a pagare dei prezzi.

 Ma

offre anche delle chance in più.

 Proprio perché il

“selvatico”,

porta in sé degli elementi di originalità,

 idee,

 forme di pensiero “divergente”

 e creativo,

di cui abbiamo bisogno ed  in ultima analisi  anche la società ne ha  bisogno”.

incontrando C. Risè

 

 

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 8 marzo 2017 in Blog, GUIDA TE STESSO

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , ,

… una cosa ho imparato, che …..questa vita va vissuta ! ! ! ….. Amici miei, saggio è ….nutrire l’anima,… per non allevarvi draghi e diavoli in cuore

28782974

« Anima mia,

dove sei?

Mi senti?

Io parlo, ti chiamo… Ci sei?

Sono tornato, sono di nuovo qui.

Ho scosso dai miei calzari la polvere di ogni paese e sono venuto da te, sono a te vicino;

dopo lunghi anni di lunghe peregrinazioni sono ritornato da te.

Vuoi che ti racconti tutto ciò che ho visto, vissuto, assorbito in me?

Oppure

non vuoi sentire nulla di tutto il rumore della vita e del mondo?

Ma una cosa devi sapere:

una cosa ho imparato,

ossia che

questa vita va vissuta.

Questa vita è la via,

la via a lungo cercata verso ciò che è inconoscibile e che noi chiamiamo divino.

Non c’è altra via.

Ogni altra strada è sbagliata.

Ho trovato la via giusta, mi ha condotto a te,

anima mia.

Ritorno temprato e purificato. Mi conosci ancora?

Quanto a lungo è durata la separazione!

Tutto è così mutato. E come ti ho trovata?

Com’è stato bizzarro il mio viaggio !

Che parole dovrei usare per descrivere per quali tortuosi sentieri una buona stella mi ha guidato fino a te?

Dammi la mano, anima mia quasi dimenticata.

Che immensa gioia rivederti, o anima per tanto tempo disconosciuta !

La vita mi ha riportato a te.

Diciamo grazie alla vita perché ho vissuto,

per tutte le ore serene e per quelle tristi,

per ogni gioia e ogni dolore.

Anima mia, il mio viaggio deve proseguire insieme a te.

Con te voglio andare ed elevarmi alla mia solitudine»

                         Questo mi costrinse a dire lo spirito del profondo e al tempo stesso a viverlo contro la mia stessa volontà, perché non me l’aspettavo.

In quel periodo ero ancora totalmente prigioniero dello spirito di questo tempo e nutrivo altri pensieri riguardo all’anima umana.

Pensavo e parlavo molto dell’anima, conoscevo tante parole dotte in proposito, l’avevo giudicata e resa oggetto della scienza.  Credevo che la mia anima potesse essere l’oggetto del mio giudizio e del mio sapere; il mio giudizio e il mio sapere sono invece proprio loro gli oggetti della mia anima.

Perciò lo spirito del profondo mi costrinse a parlare all’anima mia, a rivolgermi a lei come a una creatura vivente, dotata di esistenza propria.

Dovevo acquistare

consapevolezza di aver perduto

la mia anima.

Da ciò impariamo in che modo lo spirito del profondo consideri l’anima:

la vede come una creatura vivente,

dotata di una propria esistenza,

e con ciò contraddice lo spirito di questo tempo, per il quale l’anima è una cosa dipendente dall’uomo, che si può giudicare e classificare e di cui possiamo afferrare i confini.

Ho dovuto capire che ciò che prima consideravo la mia anima, non era affatto la mia anima, bensì un’inerte costruzione dottrinale.  

Ho dovuto quindi parlare all’anima come se fosse qualcosa di distante e ignoto,

che non esisteva grazie a me,

ma grazie alla quale io stesso

esistevo.

Giunge al luogo dell’anima chi distoglie il proprio desiderio dalle cose esteriori.

Se non la trova, viene sopraffatto dall’orrore del vuoto.

E, agitando più volte il suo flagello, l’angoscia lo spronerà a una ricerca disperata

e a una cieca brama delle cose

vacue di questo mondo.

Diverrà folle

per la sua insaziabile cupidigia e si allontanerà dalla sua anima,

per non ritrovarla mai più.

Correrà dietro a ogni cosa,

se ne impadronirà,

ma non ritroverà la sua anima,

perché solo

dentro di Sé

la potrebbe trovare.

 Essa si trovava certo nelle cose e negli uomini,

tuttavia colui che è cieco coglie le cose e gli uomini, ma non

la sua anima nelle cose e negli uomini.

Nulla sa dell’anima sua.

Come potrebbe distinguerla dagli uomini e dalle cose?

La potrebbe trovare nel desiderio stesso, ma non negli oggetti del desiderio.

Se lui fosse padrone del suo desiderio, e non fosse invece il

suo desiderio a impadronirsi di lui,

avrebbe toccato con mano la propria anima,

perché il suo desiderio ne è immagine ed espressione.

Se possediamo l’immagine di una cosa, possediamo la metà di quella cosa.
L’immagine del mondo costituisce la metà del mondo.

Chi possiede il mondo, ma non invece la sua immagine, possiede soltanto la metà del mondo, poiché l’anima sua è povera e indigente.

La ricchezza dell’anima è fatta d’immagini.

Chi possiede l’immagine del mondo, possiede la metà del mondo, anche se il suo lato umano è povero e indigente.

Ma la fame trasforma l’anima in una belva che divora cose che non tollera e da cui resta avvelenata.

 

C.G. Jung

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 7 marzo 2017 in Blog, GUIDA TE STESSO

 

Tag: , , , , , , , ,

…….. e abbiate fiducia che la vita troverà la via migliore !

 

29275384

 

Credetemi:

“Quello che vi do, non è né una dottrina né un insegnamento.

E da quale pulpito potrei indottrinarvi?

Vi informo della via presa da quest’uomo, della sua via, ma non della vostra.

La mia via non è la vostra via, dunque non posso insegnarvi nulla.

La via è in noi, ma non in déi, né in dottrine, né in leggi.

 

In noi è la via,

la verità e

la vita. 

Guai a coloro che vivono seguendo dei modelli !

La vita non è con loro.

Se voi vivete seguendo un modello, allora vivrete la vita del modello, ma chi dovrebbe vivere la vostra vita, se non voi stessi ?

Dunque

vivete voi stessi.

 

Gli indicatori di via sono caduti, davanti a voi si aprono incerti percorsi.

Non siate avidi dei frutti nati nei campi altrui.

                       Non sapete di essere voi stessi il campo fertile che fa crescere tutto ciò che vi serve ?

Ma oggi chi lo sa più ?

Chi conosce la strada verso i campi eternamente fertili dell’anima ?

Voi cercate la via attraverso le apparenze, leggete libri e ascoltate opinioni:

a che può giovare tutto questo ?

 

Esiste solo una via ed è la vostra via.

Cercate la via ?

Vi metto in guardia dall’imboccare la mia, di strada.

Per voi può essere quella sbagliata.

 

Ciascuno percorra la sua via.

Non voglio essere il vostro salvatore, né darvi leggi o educarvi.

Non siete più dei bambini.

Imporre leggi,

migliorare o rendere facili le cose

è diventato un errore e un male.

Ciascuno cerchi la propria via.

La via ci porta

all’amore vicendevole nella comunione.

Gli uomini

vedranno e sentiranno la somiglianza e la comunanza delle loro vie.

Leggi e insegnamenti comuni spingono

l’essere umano all’individualismo per sottrarsi alla pressione di una comunanza non voluta,

la solitudine rende però l’uomo pieno di ostilità e venefico.

Date dunque

all’uomo la dignità e lasciatelo essere individuo,

affinché trovi la sua comunità e la ami.

 

La violenza

si contrappone

alla violenza,

il disprezzo

al

disprezzo,

………….  l’Amore genera Amore

 

Date dignità all’umanità 

e

abbiate fiducia che la vita troverà la via migliore.

 C.G. Jung

 

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 24 febbraio 2017 in Blog, GUIDA TE STESSO

 

Tag: , , , , , , , , , , , ,

Incontri straordinari

dervisci

Clicca qui 

  inizia a leggere un breve anticipo dell’ebook che riceverai in Regalo …

solo se lo Vorrai !

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 1 giugno 2016 in Blog, Ebook

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

….. vista ed emozioni, uno studio antico di oltre 2000 anni …

https://i0.wp.com/www.diventiamopensieri.it/wp-content/uploads/2012/07/LOcchio-dellUNO.jpg

Per  una Vita sana

è fondamentale avere  una Visione sana della vita

ed è oltremodo necessario  liberarsi di tutte le emozioni negative ……  come   ?

 

proprio come si fa  con i vestiti tarlati

Esiste una tecnica  molto antica, alcuni la fanno risalire a 5000 anni fa,  altri a 2000  anni fa, altri ancora a circa 1000 anni fa.

Fu il movimento che ha avuto, sempre,  una particolare attenzione allo studio dell’animo umano,  che ne ha lasciato le prime tracce, sto parlando  dell’enneagramma, attraverso, la quale tecnica, si scopre come  particolari passioni o vizi sono alla base di cattive risposte somatiche fino alla realizzazione della malattia.

Vediamo come questi insegnamenti millenari ci spiegano la relazione tra animo è corpo/materia, attraverso un linguaggio simbolico, la parola simbolo deriva dal greco   sun + ballein  significa

” unire,  tenere insieme ”

 Secondo Jung non esiste solo un inconscio personale, individuale, ma anche un inconscio collettivo, sottostante al primo, nel quale compaiono immagini primordiali, gli archetipi comuni a tutti l’umanità.

Ecco che il simbolo quindi a livello inconscio è qualcosa che permette a due elementi di ritrovarsi, di stare insieme,  di   ” coesistere “.

La scrittura primordiale, espressione ” materiale ” del linguaggio parlato, era fatta proprio di simboli.

Il linguaggio quindi porta in sé fin dai primordi le valenze simboliche più profonde.

 

 

L’ira trattenuta, può sviluppare, in soggetti giovani e improvvisamente, la corioretinopatia centrale, ben documentabile con mezzi diagnostici quali l’OCT o la fluorangiografia, e cioè un edema maculare acuto che può ridurre la visione a 1/10 o poco più.

 

I fattori psichici modellano un organo e la sua funzione e una certa malattia esprime lo stato mentale del soggetto malato.

 

La visione non è un sistema rigido, naturalmente, ma risponde a un processo dinamico che mette in relazione l’individuo, dotato di un certo patrimonio genetico e costituzionale,

con l’ambiente in cui vive ,

con le necessità che deve superare

e con il suo atteggiamento conscio e inconscio.

Come sempre il linguaggio simbologico e i miti costituiscono un terreno fecondo di informazioni utili a seguire la nostra ricerca verso le motivazioni individuali che rendono necessaria la malattia oculare.

Tra gli eschimesi

“colui che ha occhi”

è lo sciamano:

frequentemente gli sciamani siberiani indossano caschi corone con frange che coprono gli occhi perché gli sciamani devono usare solo lo sguardo interiore.

 Nella mitologia egizia, si racconta che il dio Horus fece a pezzi il malvagio dio Seth per vendicare il padre Osiride, ma perse un occhio.

L’occhio strappato di Horus era la Luna, cioè il sinistro, e fu trovato in una rete da pesca:

 

la retina ha un aspetto di rete e “pesca” immagini.

 

L’occhio di Horus è famoso nella iconologia egizia e costituiva per il popolo minuto, nelle epoche più tarde, un talismano di indiscusso potere apotropaico.

Bisogna perdere un occhio, cioè se stessi, e, nel caso di Horus, la propria parte sinistra, cioè femminile, passiva, emozionale, ricettiva, che si abbandona, perderla alla vita materiale per integrarla in una visione superiore e
ritrovare la parte autentica di sé.

I disturbi  oculari hanno a che fare, quindi, con una visione “altra”, diversa  da quella che la nostra esperienza ci impone e che noi censuriamo dentro di noi.

Quando restiamo legati agli schemi abituali del nostro vedere, il nostro inconscio ci suggerisce che esiste altro da indagare.

 

I disturbi della vista, quindi, sotto questo aspetto, hanno a che fare con la nostalgia di una visione che le abitudini gli schemi mentali ci fanno dimenticare.

 

Ma esistono molte altre simbologie che toccano l’occhio, l’unico organo che deriva contemporaneamente da tutte e tre i foglietti embrionali.

Prendiamo ad esempio un altro aspetto simbolico, quella della relazione fra occhio, bile e fegato,  legata alla storia di Tobia nella Bibbia approvata dai cristiani.

 

Tale vicenda che racconta la guarigione di Tobia ottenuta con la bile del pesce si pensa che risalga al tempo di Assarhaddon re di Assiria (681-669 AC).

Fin dai tempi antichi la bile, detta anche fiele, si usò sempre contro le macchie corneali soprattutto se, secondo Oribasio, era di iena, di vipera o di aquila.

La bile proviene dal fegato, peraltro, e con il fegato, si facevano, come consigliava Ippocrate,

 

fumigazioni adatte alle malattie oculari.

 

Tobia, guidato dall’arcangelo Raffaele, in incognito, riesce finalmente a guarire gli occhi del padre Tobi con la bile e il fegato del grande pesce.

Nella storia di Tobia troviamo tutti gli ingredienti dell’opera in nero alchemica come il cane che precede sempre Tobia, la notte, la purificazione dei piedi, ecc.

Alla fine, mentre Tobia si lava i piedi, vicino a un fiume, un enorme pesce balza dall’acqua per divorargli un piede.

Nonostante la paura, su consiglio di Raffaele, Tobia estrae il pesce e lo sviscera, conservando,però, il cuore, il fegato e la bile.

E con la bile, infine, dopo il matrimonio con Sara, cioè la parte femminile di sé, la propria Eva, finalmente uomo integrato e integrale, Tobia potrà tornare e guarire gli occhi del padre, spalmandogli sopra la bile del
grande pesce.

Pesce che è evidente parallelo della balena di Giona, che ancora simbolizza il nostro inconscio.

Un piccolo particolare di questa storia ricca e complessa, pregna di elementi simbolici di ogni ordine e grado, è molto interessante.
Dopo che Tobia ha spalmato la bile, ci vuole circa mezz’ora prima che Tobia  guarisca e solo allora fuoriesce dall’occhio una pellicina biancastra simile all’uovo che, estratta da Tobia, immediatamente reintegra la vista di Tobi.

 

Cioè la vista vera può scaturire solo da un uovo, da una rinascita autentica, dalla conclusione di un ciclo.

 

La maggior parte delle malattie del fegato e della cistifellea sono legate al rifiuto

 

“di vederci chiaro”,

 

un rifiuto di discriminare il grano dal loglio,

il rifiuto di voler scavare dentro di sé verso i beni più profondi,

facendosi occupare da ostilità di scarso valore.

E ci vuole infatti coraggio (aver fegato!) per riuscire a rendere utile il nocivo, e saper utilizzare e trasformare il bene in male.

E infine l’occhio legato al mito dell’androgino o dell’incesto alchemico,

L’atto del guardare è attivo, predatorio, yang; l’atto del vedere è passivo, raccoglitore, yin.

Il cristallino giace dentro l’occhio come un feto dentro la madre.
L’occhio è come un uovo. Dove vive il maschile in connubio profondo col femminile.

 

Dove germina la vita.

 

Nell’antico Egitto si pensava che tutto l’Universo avesse avuto origine da un uovo.

È curioso come fin dall’antichità convivessero due spiegazioni sul meccanismo della visione.

 

Uno ordinava il vedere come un invio di raggi dal nostro occhio verso il mondo, come una cattura (pesca) di oggetti del visibile e l’altro, invece, come un recepire passivo di raggi che dall’esterno occupavano i nostri
sensi visivi.

E non necessariamente, dalle fonti antiche, i due processi erano in antitesi.

L’occhio è un padre cacciatore ma altresì una madre che, generosamente, accoglie.

 

È quindi, un organo bisessuato, maschile e femminile contemporaneamente.

 

In greco antico il termine “ophthalmos”, scomposto, prevede un significato che, quindi, non ci può più sembrare singolare:

intima camera nuziale.

 

Dove il maschile e il femminile si conoscono e generano.
Generano il senso che, in assoluto, utilizziamo di più nella nostra vita:

il vedere, la vista.

 

Lo stesso paradigma viene ripetuto nel termine:

 

“talami ottici”

 

riferendosi alle strutture cerebrali superiori che radunano le informazioni raccolte dai nervi ottici.

 

Nel Vangelo gnostico di Filippo si afferma che il letto nuziale non è per gli schiavi e le donne impure, ma per gli uomini liberi e le donne vergini.

 

Perché solo i maschi e le femmine che sanno possono raggiungere la vera camera nuziale.

 

Maschi e femmine che sono come fratello e sorella perché generati dalla stessa razza e appartenenti alla stessa famiglia spirituale.

 

Nell’antico testo egizio:

“Il mito della vacca celeste”, il dio Ra,

padre dell’umanità, espressamente afferma che gli uomini sono nati dal suo occhio.

 

E la malattia oculare, infatti, trae concordanze con la capacità o meno di generare all’interno dell’occhio quelle immagini, figlie e figli del mondo che invaderanno la nostra mente.

 

Infine, quando siamo innamorati le pupille si dilatano e vedremo negli occhi dell’amante e amato noi stessi rovesciati al contrario.

 

 

 

le informazioni sono tratte da appunti  personali ed atti del congresso SIMP
( Società Italiana Medicina Psicosomattica)
 
 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

…. Ci siamo lasciate crescere i capelli e li abbiamo usati per nascondere i sentimenti…

 

La donna moderna è un garbuglio di attività ….  è spinta e costretta a essere tutto per tutti

La donna sana e simile ai lupi sani !

questo e quanto afferma la Pinkola Estés,  direttrice del C.G.Jung Center di Denver e studiosa ed appassionata  della biologia sulla fauna selvaggia, e in particolare sui lupi. Le ricerche sui lupi rimandano alla storia delle donne, poiché riguarda il loro vigore come i loro travagli faticosi.

Una donna per le donne !

Le donne e i lupi quando sono sani hanno in comune alcune caratteristiche psichiche :

sensibilità acuta

spirito giocoso

grande devozione

le donne ed i lupi sono affini per natura,

curiosi di sapere ….

possiedono grande forza e resistenza,

profondamente intuitive

 si occupano intensamente dei loro piccoli, del compagno, del gruppo

esperti nell’arte di adattarsi a circostanze sempre mutevoli

entrambe “ donne e lupi “ perseguitate e falsamente accusate, bersaglio di coloro che vorrebbero ripulire non soltanto i territori selvaggi ma anche i luoghi della psiche, soffocando l’istintuale al punto da non lasciarne traccia.

Dunque la donna Sana come il lupo, robusta e piena di energia, di grande forza vitale, capace di dare la vita, pronta a difendere il territorio, inventiva, leale errante ….. eppure la sua saper azione dalla natura selvaggia fa si che la personalità della donna diventi povera, sottile, pallida, spettrale …

Come influisce la Donna selvaggia sulle donne ?

Con lei come alleata guida, modello, maestra, noi vediamo non con due occhi ma con gli occhi dell’intuito, che è occhiuto

Quando la donna fa valere l’intuito è come una notte stellata

<< fissa il mondo con migliaia di occhi>> !

La natura Selvaggia porta tutto ciò di cui una donna ha bisogno per

<<Essere e Sapere >>

Porta il medicamento per tutto

Porta storie e sogni e parole e canzoni e simboli …..

è al contempo : veicolo e destinazione

riunirsi alla propria natura selvaggia, istintuale non significa disfarsi, cambiare tutto, comportarsi da pazzi e senza controllo, neanche perdere la propria  socializzazione e la propria umanità

significa “ l’esatto contrario ! “

la Natura Selvaggia possiede una ricca integrità,

riunirsi a lei significa stare con sicurezza e orgoglio nel proprio corpo indipendentemente dai suoi doni  e dai suoi limiti, parlare ed agire per proprio conto, in prima persona, essere consapevoli, vigili, rifarsi ai poteri femminili innati dell’intuito e della percezione, riprendere i propri cicli, scoprire a cosa si appartiene, levarsi con dignità, conservare tutta la consapevolezza possibile !

La Donna Selvaggia in quanto archetipo, e tutto quanto sta dietro di lei, è a patrona di tutti i pittori, gli scrittori, gli scultori, i ballerini, i pensatori, di coloro che compongono preghiere, che trovano, perché tutti loro sono impegnati nell’opera di invenzione, ed è questa la principale occupazione della

Natura Istintuale

e……. come in tutte le arti sta nelle viscere e non nella testa !

può inseguire e correre, convocare e respingere,

può sentire, mimetizzare, e amare profondamente

è intuitiva, tipica e normativa

è ….. assolutamente Fondamentale per la salute mentale e dell’anima delle donne

dunque cosa comprende la  Donna Selvaggia ?

dal punto di vista della psicologia archetipa, così come per le antiche tradizioni, è l’anima femminile…..  è la fonte del femminino

è tutto quanto è istinto, è un insieme di mondi visibili e nascosti, è la base ….    ognuno riceve da lei una cellula spendente che contiene tutti gli istinti e le conoscenze necessarie alla vita

<<  è la forza Vita/Morte/Vita, è incubatrice. È intuito, veggenza, colei che sa ascoltare, è il cuore. Incita gli esseri umani a restare multilingue, spediti nei linguaggi dei sogni, della passione della poesia.

Sussurra nei sogni notturni, si lascia dietro, sul terreno dell’anima di una donna, un cappello ruvido e impronte fangose, che ricolmano del desiderio di trovarla,

di liberarla

di Amarla !

<< lei è idee, sentimenti, impulsi e memoria. La si è perduuta e pressocchè dimenticata per tantissimo tempo. È la fonte, la luce, la notte, l’oscurità e l’alba. A lei appartengono gli uccelli che ci rivelano i segreti. È la voce che dice :

Da questa parte …. Di qua

È colei

che tuona contro l’ingiustizia,

che gira come una grande ruota,

è la fattrice dei cicli,

che lasciamo a casa affinchè la custodisca,

da cui andiamo a casa

è la radice fangosa di tutte le donne

è quello che ci fa andare avanti quando pensiamo di essere finite

…….. >>

Grazie Clarissa  !

Ritrova la tua Donna Selvaggia

imparando ad ascoltare i consigli, le lodi positive perché nutrono l’anima creativa 

sviluppando l’abilità di mettersi continuamente in gioco, di non arrendersi mai davanti ad ogni tipo di ostacolo, di non pensare che esiste solo una scelta, solo una risposta, solo una strada. La vita offre una miriade di possibilità e di scenari sempre nuovi.

Bisogna agire, dire, fare, essere.

 Essere selvagge:

per creare, per ritrovare se stesse bisogna essere libere di provare, di sbagliare, di commettere azioni apparentemente lontane dalla logica comune. Ogni forma di creatività è arte e spesso viene tacciata come qualcosa di folle, semplicemente perché rivoluzionaria, lontana da standard comuni, distante dal conosciuto e dal prevedibile.

 non permettere alla paura di paralizzare il blocco creativo, per la paura del fallimento. Il fallimento più grande non è agire e sbagliare, ma rimanere fermi, immobili. Solo il movimento permette di esplorare il mondo, fuori e dentro di noi.

ritagliare un tempo per se stesse; un fine settimana, un giorno, un pomeriggio o anche dieci minuti al giorno. Imporre a se stesse e agli altri l’idea che quel tempo è solo vostro e non è condivisibile.

 Ricordarsi che non esistono solo gli altri,

“ci siamo anche noi e basta”.

Se non nutriamo noi stesse finiremo per aver

“fame di tutto”.

 Dopo aver donato a se stesse uno spazio di creatività bisogna proteggerlo, investendolo dell’importanza che merita.

Una volta ottenuto uno spazio per sé e aver liberato la creatività insita in ognuno di noi, bisogna impegnarsi a migliorarne la qualità.

Per accettare se stesse, per reagire, per donarsi tempo, per far riemergere la vita creativa bisogna nutrire ogni nostra azione e per fare ciò servono:

“tempo, dedizione, passione e sovranità”.

a cura di LF

 

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 8 marzo 2016 in Blog

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: