RSS

Archivi tag: gioia di vivere

Scegli la Vita ….. Scegli l’ Amore !

vita

Scegli La Vita  !

Scegli L’Amore !  

 

moltissimi hanno paura di scegliere la Vita !

si ha paura  di Essere ciò che si è ……

 abbiamo sentimenti meravigliosi e folli e non li Ascoltiamo  …  

é Vero  !

 

le nostre vite sono oppresse da tanti pesi,

e spesso vivere ci sembra una faccenda terribile

e complicata.

I problemi del mondo sono così incredibilmente complessi

e vediamo che non esistono soluzioni semplici

La complessità ci lascia sempre un senso di impotenza.

Eppure,

per quanto sia sorprendente,

continuiamo a tirare avanti,

giorno per giorno, sempre aspirando quasi

inconsciamente a qualcosa di più semplice,

di più significativo.

 

Perciò diventa tremendamente importante il modo in cui vediamo le nostre vite e vivere.

 

spetta a noi introdurre nel nostro modo di vedere le cose

questa autenticità,  

questa semplicità,

questa franchezza,

questa chiarezza.

Se ti interessa

Vivere pienamente la Vita,

 sta a Te imparare a conoscerla e a

Viverla

                                   Vivere in Vita è vivere in amore ……  

Vivere in Amore è Vivere in Vita ……  

                                   

abbiamo paura di vivere la Vita,

 

ed è per questo che ….

non facciamo esperienza

non rischiamo

non prendiamo a cuore nulla

non Viviamo  ….

Vivere significa

 

essere Attivamente coinvolti

 

Vivere significa sporcarTi le mani

Vivere significa buttarTi con coraggio

Vivere significa cadere e sbattere il muso

Vivere significa andare al di là di Te stesso …….  

tra le Stelle 

  

Scegli La Vita  !

Scegli L’Amore !  

 

AMORE  una parola bella …… senza confini  ……..  

 

Ma ….. chi è la persona più ricca d’Amore ?  

 

Colei che sa AMARE se stessa !  

 

non potremmo mai amare qualcun altro se prima non impariamo ad amare noi stessi.

 

Voglio concludere riportandoTi uno srcitto di un uomo straordinario Elie Wiesel, oggi ottantasettenne … sopravvivendo all’olocausto nonché  premio Nobel per la Pace nel 1986, e definito

 

 “  messaggero per l’Umanità ”  

 

quando moriremo e andremo in  cielo,

e incontreremo il Creatore ..

….. il Creatore non ci chiederà ….

perché non sei diventato un messia ?

perché non hai scoperto il rimedio per questo e per quello ?

 l’unica cosa che ci chiederà ….. in quel momento sarà …..  

 

perché non sei diventato Te stesso ?

 

è davvero significativa questa frase ….. perché quando non diventi te stesso …. rischi di ammalarti ……  e di vivere da Morto in Vita …….. quindi vale davvero la pena di scegliere  la Vita  ……. l’  Amore …..

come  ?  

 

Conosci Te Stesso

e

Vola Alto

dunque …..

 Ama te Stesso

fare il viaggio e non innamorarsi profondamente…  

equivale a non vivere…..

devi tentare perché se non hai tentato…….

allora …… non mai hai vissuto. 

 Lf

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 28 aprile 2016 in Blog, GUIDA TE STESSO

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Le idee migliori non vengono dalla ragione, ma ………..

 

             

La follia appare al pubblico e le persone cambiano espressione. Sono stupefatte, e, l’ attenzione è più attirata dalla follia che dalle sapienti parole degli oratori

La follia spiega che le sue parole necessitano di un orecchio simile a quello che si porge ai ciarlatani, ai buffoni di piazza. 

Essa spiega che imiterà gli antichi i quali per evitare l’appellativo di sapienti, preferivano essere chiamati sofisti e comunica alla gente che ascolterà il suo elogio.

La follia, considera,  più modesto descriversi da sé, che pagare gli adulatori per farsi lodare, come erano soliti fare i grandi sapienti:

“chi non trova un altro che lo lodi, fa bene a lodarsi da sé ”

 

La follia è figlia di Pluto, il dio della ricchezza e di Neotete, la dea della giovinezza e non fu generata dal matrimonio, ma da un dolce amplesso d’amore.

 

La follia nacque a  Delo, dove non esiste

la vecchiaia,

né la fatica,

né la malattia

                       la follia……. non fu allattata dalla madre, ma da Ebbrezza, figlia di Bacco e Apedia, l’ignoranza figlia di Pan.

 

La vita, bella e preziosa è frutto della follia, ….. nessuna donna priva di follia e consapevole dei dolori del parto,  si sposerebbe.

Gli stoici sembrano non apprezzare il piacere, ma in realtà dissimulano, perché in questo modo godono di più.

Colui che ha appreso completamente il valore della follia è Sofocle:

Dolcissima è la vita nella completa assenza di senno 

 

Forse i bambini sono così adorati perché sono folli e cominciano ad abbandonare la follia man mano che crescono.

Forse non sono i vecchi simili ai bambini ?

….  che sono condotti dalla follia al fiume della dimenticanza, ove diventano di nuovo bambini

 

Gli anziani e i bambini,  non avrebbero alcuna differenza

se non fosse per le rughe,

la bocca sdentata

e tutti gli altri segni dell’età.

 

Se tutti gli uomini seguissero la follia, resterebbero giovani e felici per sempre, evitando ogni tipo di preoccupazione che li induce precocemente alla vecchiaia:

 

“  la follia restituisce a ciascuno il periodo più bello e spensierato dell’esistenza  ” 

La Natura, madre dell’uomo, sparse la follia un po’ dappertutto.

 

Giove infuse nell’uomo più passione che ragione,

a quest’ultima è riservata solo la testa,

mentre il resto del corpo è sottoposto alle passioni. 

 

Poi siccome l’uomo era troppo malinconico e mancava in lui un pizzico di senno, Giove,consigliato dalla follia gli affiancò la donna:

simbolo di bellezza, fortuna ed eterna giovinezza.

 

Gli uomini non sempre preferiscono la donna, ma capita che si dedicano al bere, che,senza la follia di buffoni , giocolieri e buoni amici non è piacevole.

 

Quindi la follia è ciò da cui derivano tutte le cose piacevoli:

l’amore,

la donna,

l’amicizia

e ……….

sono proprio le cose ridicole della follia che costituiscono il fondamento di una società che vive con gioia.

 

Anche la durata di un matrimonio dipende dalla follia:

un vincolo in cui manca lo scherzo dura poco.

Nessuna società, senza la presenza del dolce miele della follia,

dura felicemente in eterno,

perché ogni rapporto diventa monotono e

il marito si stancherebbe della moglie,

lo scolaro della maestra,

l’amico dell’altro amico.

 

Nessuna persona che è scontenta di sé ….   ed è accidiosa con gli altri …..  può costruire relazioni durature:

solo con la follia si può assaporare il profumo della vita !

Attraverso la follia, la vergogna e la paura di affrontare le situazioni, si dissolvono e l’uomo diventa capace di osare.

 

Bisogna provare tutto e trarne da ogni esperienza un qualcosa di positivo:

ad esempio nella morte può essere vista la vita e viceversa.

Gli infelici sono coloro che si avvicinano di più alla sapienza,

invece

gli uomini felici sono proprio quelli che dimenticano i malanni dandosi all’ignoranza e alla spensieratezza.

In questo modo nessuno vuole morire

Un esempio sono i vecchi che si tingono i capelli e vogliono sembrare sempre giovani,

o le vecchie decrepite che nonostante tutti gli acciacchi si sentono forti e belle:

 

è meglio trascorrere nella follia una vita colma di dolcezza

cercando una trave a cui impiccarsi?

 

Essere uomo significa essere in armonia con la natura ! 

 

I folli non sono in balia

della vergogna,

del timore,

dell’ invidia,

dell’amore,

per questo sono felici…….

 

Non a caso i grandi re, preferiscono la compagnia dei folli burloni ai sapienti; i primi dicono sinceramente tutto ciò che hanno nel cuore, mentre i saggi dissimulano.

 

Esistono due tipi di follia,

una è negativa, ( thanatos) perché infonde negli uomini desideri orribili, 

mentre  l’altra

è positiva ( Eros ) e si manifesta tutte le volte, che,  una dolce illusione libera l’anima dall’ansia e la colma di piacevoli sensazioni. 

 

Le idee migliori non vengono dalla ragione, ma da una lucida, visionaria follia

 Erasmo da Rotterdam,  1501

  1501 ….1997 =  Cinque secoli 

 

A tutti i folli.

I solitari.

I ribelli.

Quelli che non si adattano.

Quelli che non ci stanno.

Quelli che sembrano sempre fuori luogo.

Quelli che vedono le cose in modo differente.

Quelli che non si adattano alle regole.

E non hanno rispetto per lo status quo.

Potete essere d’accordo con loro o non essere d’accordo.

Li potete glorificare o diffamare.

L’unica cosa che non potete fare è ignorarli.

Perché cambiano le cose.

Spingono la razza umana in avanti.

E mentre qualcuno li considera dei folli, noi in loro vediamo del genio.

Perché le persone che sono abbastanza folli da pensare di poter cambiare il mondo, sono coloro che lo cambiano davvero.

Steve Jobs, 1997

 
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 3 dicembre 2015 in Blog, GUIDA TE STESSO

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: