Allora meglio sarà per voi coprire la vostra nudità e allontanandovi dall’aia dell’amore,
Nel mondo senza stagioni dove riderete,  ma non tutte le vostra risa, e piangerete, ma non tutte le vostre lacrime.

L’amore non da nulla dà se non se stesso e non prende se non da se stesso  
L’amore non possiede né vuole  essere posseduto;
Poiché l’amore basta all’amore.

E non pensate di poter dirigere il corso dell’amore giacchè, se vi trova degni, è l’amore che dirige il vostro corso.

L’ Amore non desidera che appagare se stesso.

Ma se amando dovete avere dei desideri, essi siano questi :

Sciogliersi ed essere come un ruscello che scorrendo canta alla notte alla sua melodia.

Conoscere il dolore della troppa tenerezza.

Ferirsi di comprensione dell’ amore

E sanguinare volentieri e con gioia.

Risvegliatevi all’alba con un cuore alato e ringraziare per un nuovo giorno d’amore.

Riposare nell’ora del meriggio e meditare dell’amore l’estasi;

Grati rincasare nella sera;

E poi assopirsi con una preghiera per l’amato e sulle labbra un cantico di lode

 

e  parlaci del dare

 

Date ben poco quando donate dalle vostre ricchezze.

È donando voi stessi che date veramente.

 

Cos’è la vostra ricchezza se non ciò che nascondete

e custodite nel timore d’averne bisogno domani?

E domani, cosa mai poterà il domani al cane

che troppo previdente sotterra l’osso

nella sabbia senza traccia, mentre

segue i pellegrini alla città santa?

 

Cos’è la paura del bisogno

se non bisogno esso stesso?

 

Non è forse la sete insaziabile

che alimenta il terrore della sete stessa

quando il pozzo è colmo?

 

Vi sono quelli che donano poco

del molto che possiedono,

e lo danno per ricevere riconoscenza,

e questo desiderio occulto rende ignobile i loro doni.

 

E quelli che danno tutto il poco che hanno.

Essi hanno fede nella vita

e nella sua munificenza,

e la loro borsa non sarà mai vuota.

 

Vi sono quelli che danno con gioia

ed è questa gioia la loro ricompensa.

E quelli che danno con rimpianto

e questo rimpianto è il loro sacramento.

 

E vi sono quelli che danno senza pena nel donare,

né cercano gioia, né danno preoccupandosi del merito.

Essi danno come il mirto che laggiù nella valle

sa effondere nell’aria la sua fragranza.

Attraverso le loro mani è la natura parla,

e attraverso i loro occhi sorride alla terra.

È bene dare quando ci chiedono,

ma attraverso la comprensione

è meglio dare quando niente ci viene chiesto.

 

Per chi è generoso, cercare colui che riceverà

è gioia più grande che donare.

 

E voi quale ricchezza vorreste conservare?

Tutto ciò che possedete un giorno sarà dato.

Quindi donate adesso, affinché la stagione dei doni

possa essere la vostra e non dei vostri eredi.

 

Spesso dite:

«Vorrei dare, ma solo ai meritevoli».

 

Gli alberi del frutteto non si esprimono così,

neppure le greggi del pascolo.

 

Essi concedono per vivere, perché serbare è perire.

Chi è degno di ricevere i giorni e le notti,

è certo degno di meritare ogni cosa anche da voi.

 

Chi merita di bere all’oceano della vita,

può riempire la sua coppa

anche al vostro minuscolo ruscello.

 

E quale merito più grande vi è

nella fiducia e nel coraggio,

anzi nella carità del ricevere?

 

E voi chi siete perché gli uomini

vi debbano mostrare il cuore,

e togliere il velo al proprio orgoglio

in modo che possiate vedere

il loro nudo valore e la loro inviolata fierezza?

 

Siate per prima voi stessi degni

di essere colui che dà

e allo stesso tempo uno strumento del dare.

 

In verità è la vita che dà alla vita,

mentre voi, che vi stimate donatori,

null’altro siete che semplici testimoni.

 

E voi che ricevete – e tutti ricevete –

non consentite che il peso della gratitudine

imponga un giogo a voi stessi e a chi vi ha dato.

Innanzitutto siano i suoi doni le ali su cui insieme volerete.