RSS

” La bevanda dei Re e degli Dei “

20 Nov

Dal Miele all’ IDROMELE ….. la bevanda preferita dai Re e dagli Dei, tra storia reale e leggenda.

Il Miele è uno degli alimenti le cui proprietà salutari sono riconosciute da migliaia di anni, infatti il miele viene usato in moltissimi contesti e da moltissimo tempo con risultati più che soddisfacenti !

Dagli antichi libri Vedici agli scritti di Aristotale, tutti hanno esaltato le virtù del miele.

I Greci lo considerarono l’equivalente terreno del nettare e dell’ambrosia, alimenti di cui si cibavano gli Dei dell’Olimpo, poichè apportava all’organismo corpo proprietà benefiche.

L’idromele oltre il nome latino, ha un corrispondente poetico-runico che è Medu, nome simile all’antica bevanda delle popolazioni indiane nell’epoca Vedica.
Medu racchiude le rune MAN, EH, DAG, URI il cui  significato poetico è “Magia del potere della trasformazione primordiale”

Già nota presso le popolazioni Maya ed Egizie, in Egitto vige tuttora, l’abitudine di servire del miele durante i banchetti nunziali.

L’alimento offerto, infatti, contiene vitamine del complesso B, alcuni sali minerali benefici per la salute sessuale e zuccheri facilmente assorbiti, necessari per la produzione del liquido seminale e per avere una forte carica sessuale.

Pare che, l’espressione Luna di Miele risalga al tempo dei babilonesi dove per l’occasione vi era l’usanza di regalare alle coppie di sposi una quantità di idromele  sufficiente per un mese, poiché si riteneva che tale bevanda assicurasse fecondità.

La tradizione vuole che il miele fosse prescritto ai novelli sposi per garantire una dolcissima luna di miele. Era già consigliato da Ippocrate per stimolare l’energia sessuale.

Nonostante l’origine babilonese non sia poi così certa, nell’antica Roma era consuetudine regalare idromele o simili bevande ai novelli sposi, usanza continuata poi in epoca Medievale.

 Purifica, disseta, regola, refrigera e cicatrizza, da sempre usato per scopi curativi e anche nel campo della cosmesi è consigliato dalla civiltà sumera, dalla medicina ayurvedica e addirittura dalla grande Cleopatra.

 Ricetta  dell Idromele:

350 g di alcol a 90 gradi,

2 g di cannella in canna,

1 g di chiodo di garofano,

400 g di miele,

1 litro d’acqua di fonte o minerale naturale,

1 scorza di limone.

Lasciate macerare in una vaso chiuso la cannella, il chiodo di garofano e la scorza di limone nell’alcol per circa 10 giorni.

Filtrate il composto. Mischiate il miele con l’acqua e fate bollire il tutto fino a che il volume della soluzione si sarà ridotto di circa la metà.

Lasciate raffreddare il composto e versatelo nell’alcol.

Quando si sarà intiepidito, imbottigliate con tappo in sughero.

Lasciate riposare per almeno sei settimane  e ancor meglio se per un anno.

 LF

 
1 Commento

Pubblicato da su 20 novembre 2014 in Blog

 

Tag: , , , , , , , , ,

Una risposta a “” La bevanda dei Re e degli Dei “

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: